90. IN CAMMINO – ragazzi

Ieri scrivevo dei giovani. Oggi scrivo qualcosa (poco perché la stanza è ancora occupata dall’imbianchino) sui ragazzi.

Fa tristezza non vedere i ragazzi all’altare ma, almeno per il momento non è stato possibile averli.

Oggi proverò, metro alla mano, a vedere se riesco a recuperare qualche posto… ma non so se ci riuscirò. In ogni caso i vestitini bianchi non li potranno usare almeno per il momento.

A questo punto mi affido ai genitori perché facciano il possibile per portarseli dietro almeno in panca.

Siamo davvero in un momento difficile. Che la Madonna ci aiuti.

89. IN CAMMINO – giovani

  1. IN BREVE
  2. Ho lo studio invaso da spatole, pennelli e simili per l’imbiancatura. Devo dunque essere molto conciso…
  3. Un appello ai giovani perché passino parola e vengano alla Messa di Domenica alle 10.00 per ricordare un grande educatore, il compianto Preside del Liceo cittadino, prof. Paolo Brondi. Aveva lasciato il servizio una decina di anni or sono e quindi può darsi che il tempo abbia fatto dimenticare la persona e l’impegno educativo… Chiedo quindi a tutti coloro che l’hanno conosciuto di passare parola. Grazie.
  4. Ieri suggerivo agli educatori dei giovani (soprattutto gli insegnanti di Religione delle scuole Medie e superiori) di prendere visione  del volume e dei video realizzati e presentati durante l’estate per riproporli stavolta agli studenti. Il materiale è a disposizione. Basta farne richiesta formale.
  5. Permettetemi infine un pensiero su don Roberto, il giovane sacerdote di Como che ha dato la vita per i poveri. Il suo impegno, poco comprensibile per chi non frequenta l’ambiente ecclesiale, dovrebbe far capire ai rappresentanti dello Stato che in certi ambienti gli unici a fare qualcosa sono proprio i sacerdoti…
  6. Oggi è giorno di votazioni. Incredibilmente conosco bene tutti e tre i più importanti concorrenti: Giani lo conosco dai tempi del mio primo incarico pastorale a Pontedera; la Ceccardi è di Zambra, nel Piano di Pisa mio ambiente nativo e la Galletti è mia parente…
  7. È uscito un giallo Mondadori, a firma Dario Ferrari (di Viareggio), che ha come protagonista un sacerdote grassottello, buongustaio e lettore di fumetti… Qualcuno ci ha riconosciuto il sottoscritto. Non credo proprio. Comunque sia auguro all’autore (che mi piacerebbe conoscere) un buon successo editoriale.

 

88. IN CAMMINO – Iniziative per giovani

Il pensiero quotidiano di noi sacerdoti è per i giovani. Purtroppo quelli che frequentano regolarmente la chiesa sono pochissimi ma non possiamo dare loro tutta la colpa: anche noi sacerdoti e catechisti abbiamo una parte di reponsabilità: fossimo riusciti negli anni del catechismo a fargli conoscere meglio Gesù probabilmente sarebbero più vicini.

Però non è il caso di perderci d’animo perché io penso che quanto abbiamo seminato, con tanto amore, prima o poi darà frutti.

Dobbiamo quindi continuare a lavorare per loro unendo all’impegno la preghiera. Per questo motivo vorrei portare a conoscenza di tutti quanto siamo riusciti a realizzare durante l’estate, iniziative che hanno riscosso attenzione e che potrebbero adesso essere sfruttate per i giovani.

Il recital su MADDALENA di canossa è stato davvero interessante. Non è stato uno spettacolo fine a se stesso. Ci piacerebbe infatti proporlo a scopo vocazionale alle nostre ragazze del Liceo e dell’Università, soprattutto  coloro che hanno frequentato le scuole delle canossiane. E poi anche agli alunni delle scuole superiori per vivacizzare ancora di più l’ora di religione.

Anche la lezione su L’AMORE NELL’ARTE ha avuto un buon successo. Pure questa lezione, opportunamente registrata, potrebbe benissimo essere proposta ai giovani delle superiori.

Interessante infine il volume su SAN FRANCESCO curato dall’amico Valdemaro: un volume semplice, leggibilissimo e, al contempo profondo e in grado di stimolare i nostri giovani dal punto di vista umano e cristiano.

I video sono a vostra disposizione. fatemi sapere se siete interessati e vedrò di farne nuove incisioni.

87. IN CAMMINO – Catechismo

Sono riuscito finalmente a chiarirmi le idee e quindi posso esporre i moduli per le iscrizioni al catechismo.

Alcuni gruppi, per forza di cose, dovranno essere sacrificati perché i locali scolastici non non potranno essere usati onde evitare problemi alle Suore.

Quindi il catechismo ai bambini di Seconda elementare lo dovranno fare i genitori. Io consegnerò loro il materiale e loro faranno il resto. In fin dei conti si tratta, settimana dopo settimana di leggere una breve pagina e di colorare il disegno annesso.

I bimbi di Terza e di Quarta avranno lezione al Sabato mattina: un gruppo alle 10.00 e l’altro alle 11.00: saranno lezioni di circa 45 minuti perché fra una lezione e l’altra dovremo sanificare l’ambiente.

Quelli che avevano lezione al pomeriggio potranno continuare con Madre Anna Maria visto che è un gruppo numericamente ridotto.

I ragazzi di Quinta elementare, avendo le lezioni all’aperto, si fermeranno nella chiesa delle Suore per la preghiera, per poi proseguire la lezione in paese. Il gruppo di quinta che non ha ancora fatto la Prima Comunione dovrà restare in aula.

I ragazzi delle medie infine avranno lezione al pomeriggio un gruppo in aula, l’altro nella sala d’ingresso e l’altro ancora nella chiesa delle Suore.

La cosa, almeno teoricamente potrebbe funzionare… Poi vedremo alla prova dei fatti se e come prendere correttivi.