1024. IN CAMMINO – Lungariello ma non scurdariello

La mia predica di ieri sera circa la preghiera scomposta e provocatoria di Caino ha toccato il cuore di molti presenti che l’hanno commentata in vari modi.

Certamente l’Amore di Dio è incredibile: riesce perfino a raddrizzare – come si legge nel vangelo – strade storte e a colmare di bontà intere vallate di cattiveria!

Senza tornare sull’argomento anche perché sono molto stanco e scrivo questa nota a fatica accenno soltanto a un rapidissimo commento fatto da una anonima signora campana e riferito dalla carissima Madre Franca di Brescia, ospite delle Canossiane per alcuni giorni di riposo al mare.

Il commento sta nel titolo della presente nota.

Il Signore – così ha detto la signora e ha riferito la Madre – non dimentica ( non scurdariello) anche se può sembrare… Possono passare anni e anni, possono seguirsi generazioni e generazioni (lungariello) ma alla fine il progetto universale di salvezza, voluto da Dio in Gesù Cristo, si realizza sempre.

Cerchiamo quindi di non perderci d’animo osservando i tristi momenti presenti. Confidiamo in Dio e chiediamo il Suo aiuto. Non resteremo inascoltati anche se probabilmente non riusciremo a vedere le meraviglie del Signore che può suscitare figli d’Abramo anche dalle pietre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.