106. IN CAMMINO – ho un cerchio alla testa

Ieri, Domenica, le cose non sono andate male: molti fedeli, nonostante il tempo inclemente sono venuti in chiesa, fra questi anche un po’ di bambini, qualche adolescente e 5/6 giovani.

Pochi, è vero; però di questi tempi non ci possiamo lamentare.

Anche le varie celebrazioni si sono svolte con la consueta attenzione e devozione. Vi dirò che non mancato nemmeno qualche momento di intensa commozione quando ho citato, all’omelia, brevissima, i due campioni di santità che la giornata presentava: il vecchio papa Giovanni XXIII e il giovane Carlo Acutis.

Entrambi – mi ricollego al passo di vangelo della liturgia del giorno – hanno svolto con generosità il compito loro assegnato dal Signore. Sono stati “servi” attenti e premurosi nel provare a raccogliere e presentare alla “festa di nozze del Re” i fratelli e le sorelle che hanno incontrato nel corso della vita.

Adesso tocca a noi. Viviamo in un tempo strano: i nostri interlocutori, giovani e adulti, sono per lo più lontani dalla fede e quindi dalla pratica religiosa. Soprattutto i giovani fanno di tutto per sfuggirci e la tentazione di mollare – il discorso vale anche per noi sacerdoti – è drammaticamente presente.

Non ci lasciamo prendere da paura e non accampiamo scuse banali tipo: sono ormai anziano, i giovani sono tutti uguali ecc.

A proposito di scuse ieri una nonna mi ha fatto sorridere: mi ha spiegato che il nipote dal Lunedì al Venerdì (giorni di scuola…) avverte al mattino un “cerchio alla testa” che però al Sabato e alla Domenica improvvisamente scompare. Curioso, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.