134. IN CAMMINO – brrr…

La caldaia non funziona e quindi sono al freddo! Spero che intervenga il tecnico ma per il momento mi devo arrangiare con un bel maglione pesante e con la mia canina…

È una cagnolina intelligente e coccolona per cui ci siamo subito intesi. Io faccio caldo a lei e lei mi ricambia con il suo tepore.

Mi ha fatto tornare in mente l’Arcivescovo Mons. Benvenuto Matteucci, il Vescovo che mi ha ordinato sacerdote, quando ci raccontava le sue avventure di giovane sacerdote confinato a Poggio alla Malva sulle colline fiorentine. Faceva coppia con don Lorenzo Milani: lui al Poggio e don Lorenzo a Barbiana sulla collina di fronte…

Ma come era finito in cima al monte il povero don Benvenuto?

Conclusi con profitto gli studi teologici a Roma era stato chiamato a insegnare teologia sistematica in seminario a Pistoia. Aveva appena 25 anni o poco più ma aveva già pubblicato una paio di libri che lo avevano fatto conoscere per le sue idee innovative anche se nel solco della tradizione. Anche la teologia è una scienza e come tale è destinata a evolversi non perché muti l’insegnamento di Gesù quanto per la diversa prospettiva che ne possiamo avere/dare a seconda del periodo storico in cui viviamo.

Insomma andò a finire che certe sue idee relative all’Ecclesiologia, cioè la dottrina sulla “chiesa”, vennero contestate dall’Autorità religiosa e così da un giorno all’altro si ritrovò parroco al Poggio con una popolazione di pochissime anime e un … cane randagio.

Essendo un uomo dignitoso accolse il confinamento e non si perse d’animo. Le sue idee, contestate in Diocesi, venivano invece accolte positivamente in altre realtà d’Italia e all’estero. Si mise così a scrivere sulle riviste teologiche e a pubblicare libri su libri che gli dettero notorietà e prestigio.

Quando scriveva (a macchina, tutto infagottato perché aveva freddo) era solito tenersi in grembo il cane che gli faceva caldo. E così passavano lunghe ore insieme a farsi compagnia e a scaldarsi a vicenda.

Poi i tempi passarono e venne “riabilitato” fino a essere nominato Vescovo ma non dimenticò mai quel povero cane compagno di sventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.