Catechismo prima comunione 25

Cari genitori, siamo all’ultima lezione del nostro catechismo d’urgenza. Oggi spiegherò ai bimbi come si conclude la celebrazione della Prima Comunione e perché si conclude in quel modo. Vi chiedo la cortesia di continuare a seguirli e di tenermi al corrente nel caso ci fossero dei problemi. Sono rimasti pochi i genitori che non mi hanno ancora fatto sapere la loro scelta. Se li conoscete fate loro presente che sto aspettando una risposta. Grazie.

Cari bambini, come scrivevo ieri, dopo aver ricevuto la Comunione vi fermerete a “raccontare” al Signore tutte le vostre cose: intanto lo ringrazierete e gli chiederete di farvi crescere buoni e bravi, poi gli parlerete dei vostri familiari seguendo in questo i suggerimenti dei vostri genitori. 

Nel giorno della Comunione, durante questa conversazione con il Signore, possiamo anche dirgli cosa ci piacerebbe fare da grandi. E chissà che il Signore non vi ascolti!  Ai miei tempi ci facevano scrivere la preghiera della Comunione che poi il prete riguardava e correggeva. Riguardo a cosa fare da grandi chi scriveva una cosa e chi un’altra: dottore, professore, maestra… Una bimbetta ci scrisse che le sarebbe piaciuto fare la “mamma”! Bello, vero?

Dunque, terminata la preghiera, tutti i presenti si alzeranno e voi, come a suo tempo vi ho insegnato, canterete in coro l’AVE MARIA. Qui di seguito, nel solito filmatino un po’ sfuocato, vedrete e ascolterete il canto in modo che vi torni alla mente. Nel video vi vede bene l’impegno dei bimbi. Sono certo che anche voi sarete bravissimi.

Piuttosto perché alla fine della Messa si invoca sempre la Madonna? Perché ce lo ha chiesto Gesù: poco prima di morire sulla croce, rivolgendosi all’ apostolo Giovanni gli disse di prendersi cura della sua mamma. Per questo ogni volta che preghiamo Gesù aggiungiamo sempre una piccola preghiera a Maria.

Ora guarda il filmato e canta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.