224. IN CAMMINO – sacrificio dell’alfiere

Le domeniche scorrono una dopo l’altra… Speriamo tutti, ma proprio tutti, che l’epidemia si decida a mollare la presa e a permetterci di tirare il fiato come si suol dire.

L’ apertura prossima a venire la considero come “il sacrificio dell’alfiere” nel gioco degli scacchi: la gente non ce la fa più a stare chiusa in casa, intere categorie professionali sono stremate (finanziariamente) dalle chiusure e quindi i nostri governanti hanno deciso per un’apertura “responsabile” che  sacrifica la sicurezza (alfiere) per salvare il paese (re) da prevedibili contraccolpi sociali (arrocco) con conseguenze drammatiche (scacco).

La speranza è che le persone, soprattutto i più giovani, si rendano conto della gravità del momento e si decidano ad avere un comportamento responsabile evitando assembramenti e simili.

Mi immagino che questo mi appello sarà “visionato” da migliaia di persone… di ogni parte d’Italia e del mondo!

Lo so che il blog coivolge appena un centinaio di famiglie (*) ma almeno per il nostro paese cento/duecento famiglie non sono poche.

Tenendo conto poi del fatto che queste famiglie aspettano con ansia l’inizio della stagione, unica risorsa in quest’anno difficile per poter guardare avanti con tranquillità, penso proprio che riusciranno a convincere i propri giovani a rispettare le regole.

(*) Alla Domenica, come avrete notato, pubblico sempre un breve filmato perché, come mi insegnavano a Bologna nel corso di filmografia, le immagini richiamano maggiore attenzione rispetto alle parole. E infatti il blog è seguito più la Domenica che non gli altri giorni della settimana.

Sempre a Bologna mi insegnavano che certe “fotografie/filmati” attirano più attenzione rispetto ad altre. Ad esempio il filmato di ieri ha avuto un numero maggiore di visitatori per il fatto che per un attimo era stata inquadrata la mia cagnolina, accovacciata, quasi ascoltasse la mia predica! C’è stato un boom di contatti! Qualcuno mi ha anche paragonato a San Francesco che parlava al lupo di Gubbio. Santo subito…

Il top dell’attenzione – stesse lezioni – si raggiunge proponendo immagini “spinte” ma è evidente che per aumentare le visualizzazioni del blog parrocchiale non posso certo pubblicare immagini di… donne nude!

Al massimo posso prometterlo, magari per il prossimo filmato. Può darsi che qualche giornalista ci creda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.