139. IN CAMMINO – ringraziamento

Un doveroso ringraziamento a tutti coloro che mi hanno onorato con un cenno sul telefonino o sulla mail nell’occasione del mio 24° anniversario.

È andato tutto bene anche se non c’era l’allegria di sempre. Ho celebrato Messa, ho fatto un discorsetto spiegando che per i fiori, il rinfresco e la poesia del bimbo ci sarebbe stata un’altra occasione.

Quando pensavo che tutto fosse terminato è spuntata la maestra Anna che ha detto due parole.

Due parole ma dette col cuore, come piace a me, e allora ho avvertito un po’ di commozione. Mi rendo conto di non essere speciale. Cerco di fare il mio dovere con impegno e di voler bene a tutti. Questo perché è tipico del mio carattere ma anche perché voi lo meritate.

Rientrato in casa ho acceso il telefonino scoprendo con gioia che moltissimi amici mi avevano scritto inclusi alcuni miei vecchi parrocchiani di San Casciano che evidentemente non riescono a dimenticarmi.

A quel punto, pur essendo solo, ho stappato una bottiglia di spumante (dolce) e ho brindato alla nostra salute. Anche la mia cagnolina si è resa conto che ero felice e ha abbaiato con gioia (più probabilmente perché  spaventata dal botto).

È proprio bello volerci bene. Ringraziamo Dio e continuiamo a lavorare insieme, con affetto, per meritarci la sua benedizione.

Già che ci sono aggiungo che la “rivista” sta avendo un successone. Passate parola soprattutto a coloro che hanno avuto in famiglia una “canossiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.