219. IN CAMMINO – Presepio permanente

In quest’ultimo periodo abbiamo ricevuto molti doni: fra questi un artistico presepio permanente offerto dalla famiglia Del Carlo.

Al momento non ho scritto granché sull’argomento a parte una breve nota di ringraziamento. Desidero quindi oggi chiarire il perché di questa scelta e rispondere ad alcune domande alle quali in precedenza non avevo saputo rispondere.

L’idea di realizzare un presepio permanente mi ha trovato in accordo con il donatore perché riconosco che, almeno per quanto riguarda la devozione popolare e in particolare quella dei nostri giovani allievi del catechismo, è la pagina più amata, in assoluto.

Prova ne è il fatto che nel tempo di Natale in ogni famiglia si avverte il desiderio di realizzare un presepio, magari piccolo, per ricordare l’avvenimento evangelico e per gustare la tenerezza dei personaggi.

Non solo. Sempre nell’occasione del Natale si diventa tutti più buoni, prodighi di doni per i poveri, disposti al perdono e, di conseguenza, più felici.

Avere quindi un riferimento “permanente” può essere di aiuto in questo tempo strano in cui, a livello giovanile, si moltiplicano episodi di stupida blasfemìa nei confronti del Signore e della Madonna, di bullismo nei confronti delle persone e di crudeltà nei confronti degli animali.

Quanto alle domande… vengo subito alle risposte per guadagnare tempo.

Il presepio è stato inclinato verso l’incrocio in modo che sia facilmente visibile anche da chi, casualmente, si ferma al semaforo o passa dall’incrocio: la velocità infatti rallenta e quindi è possibile anche al viaggiatore “distratto” (e in particolare ai tantissimi giovani che frequentano il liceo e ogni mattina vi passano davanti, dare un’occhiata.

Non verrà colorato: l’opera infatti è stata concepita per restare “brunita” dalla ossidazione del materiale usato. Colorarla non avrebbe significato. In futuro potremmo pensare a illuminarla, questo sì, o anche a arricchirla con delle essenze floreali ma al momento è bene lasciarla così com’è.

Chiudo proprio come ho iniziato e cioè ringraziando la famiglia che ce ne ha fatto dono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.