228. IN CAMMINO – Catechismo

Domani concludo il corso “multiclasse e in presenza” per i ragazzi di prima Comunione (4a el.) Le lezioni continueranno a piccoli gruppi per la preparazione immediata. È stato un corso impegnativo per me, per le catechiste, per i genitori e per i bimbi. Però, grazie a Dio, è riuscito tutto bene. Spero che anche queste ultime lezioni, sebbene – ripeto – svolte a piccoli/ssimi gruppi possano riuscire bene ugualmente.

E gli altri gruppi?

Allora, per i più piccoli, quelli di 2a elem., non so cosa dirvi. All’inizio dell’anno avevo affidato il compito di insegnare la “storia” di Gesù ai genitori consegnando loro il fascicolo e un Vangelo illustrato. Spero che abbiano preso sul serio il compito affidato.

I bimbi di 3a el. hanno frequentato in presenza il corso in preparazione alla Confessione: un gruppo con me e le Maestre in chiesa e l’altro, dalle Canossiane con Madre Anna Maria. Sono stati bravissimi. Anche i genitori, presenti alla festa della riconciliazione (oggi si chiama così) sono rimasti soddisfatti del grado di preparazione raggiunto.

Per i ragazzi di 5a c’è da fare un discorso più articolato. Alcuni infatti hanno frequentato il corso di Prima Comunione mentre altri quello di post-Comunione. Li ho seguiti poco o niente. Ma le/i  Maestre/i e le Suore hanno svolto la loro parte egregiamente e le ringrazio sentitamente.

Per le Medie, almeno per la prima e la seconda Classe, le presenze sono state modeste. Alcuni corsi si sono tenuti in presenza mentre altri in DAD. Il lavoro dei/lle Maestri/e è stato notevole. Di più non potevano proprio fare. La terza classe ha avuto un buon numero di presenze: sono gli adolescenti che si preparano alla Cresima! Per gli assenti, giustificati o non, terrò un corso “speciale” nel mese di Luglio.

Infine i nostri carissimi adolescenti dei primi anni delle superiori: sono quelli che ci danno più soddisfazioni/preoccupazioni. Le Maestre e la Suora li seguono a distanza con tanto amore… Da notare, e questo vale per tutte le Maestre e i Maestri, che sono persone che sono impegnate, hanno famiglia, professione, responsabilità varie eppure riescono a trovare il tempo anche per seguire i ragazzi. Meriterebbero un monumento!

Ai grandi penso io direttamente inviando qualche mail ogni tanto. È un modesto “filo” che che però si mantiene negli anni e mi dà molta soddisfazione anche se talvolta i rapporti si interrompono perché cambiano indirizzo e non me lo comunicano… birbanti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.