272. IN CAMMINO – Granducato di Toscana

Ancora una volta ho “bucato” l’incontro conviviale organizzato dal Granducato stavolta in onore di Tullio nell’occasione del suo compleanno.

Purtroppo non è la prima volta: nelle due tornate precedenti avevo i soliti appuntamenti in Curia e, avendoli accorpati, ho finito alle 13.00 per cui avevo volgia di tutto fuorché di mettermi a mangiare…

Ovviamente anche oggi ho delle buone ragioni: oggi, ad esempio, ho il funerale dell’amico Paolo Tabarrani e non me la sento di partecipare. Come sapete ho un carattere molto empatico per cui, anche se prendo qualche ansiolitico, avverto la sofferenza dei parrocchiani quasi  fosse la mia… forse dipende anche dal fatto che faccio parte di questo paese da 25 anni e quindi mi sento in famiglia con tutti.

In questo caso poi confesso di sentirmi legatissimo alla famiglia: ho celebrato il loro cinquantesimo di matrimonio degli anziani e il venticinquesimo dei giovani… poi Battesimi, Comunioni, Cresime ecc.

Insomma partecipare a un momento di festa e subito dopo celebrare un funerale mi è impossibile.

Però… però mi piace partecipare anche agli appuntamenti conviviali del Graducato che sono molto diversi rispetto a gli altri appuntamenti.

Intanto mi sento a casa perché sia il “granduca” che i vari “ministri granducali” mi riservano mille attenzioni (astenendosi da ogni forma di linguaggio volgare) poi perché si tratta di una cucina sopraffina… la vera cucina fortemarmina, quella dei bei tempi passati, che per fortuna si mantiene inalterata… In più si gode di un “freschino” invitante che stimola l’appetito e l’amicizia.

Spero quanto prima di sdebitarmi con questi amici carissimi offrendo loro una bella … benedizione (accompagnata da una bottiglia di prosecco).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.