287. IN CAMMINO – rilievi…

Mi vengono fatti alcuni rilievi peraltro giusti… ma non vedo come poter intervenire per risolverli.

Il primo riguarda il sacerdote ospite che non pronuncia bene le parole per cui i fedeli fanno fatica a capire sia le letture bibliche che le omelie.

È vero ma io ringrazio Dio d’averlo intanto perché celebra e confessa con devozione e poi perché ci assicura la sua presenza. Faccio notare inoltre che anche i missionari italiani che lavorano in Africa o in MedioOriente come il nostro carissimo Padre Damiano (che deve predicare in lingua araba) confondono spesso le parole ma i fedeli non fanno tante storie pur di avere l’Eucarestia e la possibilità di confessarsi.

Il secondo riguarda le donne che vengono alla Messa in tenuta balneare o con abiti bianchi che svelano una biancheria intima provocante…

Anche questo è vero. Visto però che, anche se assicurato dalla Costituzione, il senso del pudore non esiste più, non vedo come possa intervenire. A fare certe osservazioni si rischia di finire travolti da critiche feroci anche se ingiustificate! A me, purtroppo, è già successo. Confido quindi nel buon senso anche se proverò (a malincuore) a dirlo di nuovo.

Il terzo rilievo riguarda la presenza dei cani in chiesa che latrano nei momenti più solenni distraendo i fedeli.

Anche questo è vero. Ovviamente nessuno si sognerebbe di impedire a una persona non vedente o sola di portarsi dietro un cagnetto d’affezione (visto che la legislazione civile lo consente) ma anche in questo caso ci sono evidenti esagerazioni. Non credo che un cane vada in depressione se resta a casa una mezz’oretta. Anch’io che sono amante degli animali lascio in casa la mia Lola anche se mi fa gli occhioni tristi. Confido, anche in questo caso, nel vostro buon senso. Anzi vi invito a passarvi parola: fra padroni di cagnolini ci intendiamo con facilità.

Il quarto riguarda due pennuti particolarmente antipatici che si sono appollaiati sulle travi e sporcano sugli abiti…

Sto portando avanti un’opera di dissuasione nei loro confronti ma temo che dovrò ricorrere alle maniere forti sperando, anche in questo caso, di non essere denunciato dalla protezione animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.