337. IN CAMMINO – Equivoco

Ho intravisto in chiesa l’amica dottoressa  X.Y.Z. (N.ome O.messo p.er P.rivacy) e abbiamo scambiato quattro chiacchiere:

” Tutto bene, don Piero? Ti vedo un po’ stanco. Ma riposi la notte? ”                ” Beh, insomma… sai è un momentaccio; tra la fine della stagione e l’inizio   del nuovo anno pastorale è tutta una corsa! Sono davvero molto stanco.” 

“Guarda, facciamo così, vieni al Poliambulatorio Venerdì…, ti dò un’occhiatina e ti prescrivo una bella curetta. Mi raccomando, Venerdì alle 18.00. Non ti preoccupare se c’è gente. Quando accompagno all’uscita il paziente di turno e ti vedo, ti faccio subito entrare. Ti aspetto. “

Impegnato com’ero nella preparazione della Messa non sono stato a chiedere dove fosse il suo polimbulatorio e quindi  il Venerdì successivo, chiesto aiuto a un confratello per sostituirmi mi sono findato al Poliambulatorio della Croce Arancione (N.O.p.P)

Appena entrato ho salutato l’addetta all’accettazione spiegando che avevo un appuntamento seppure privo di prenotazione e mi sono accomodato nella sala d’aspetto. Strano a dirsi ma non conoscevo nessuno fra i presenti: quasi tutte giovani donne, alcune accompagnate dalla rispettiva madre.  Ho salutato con educazione ma ho avvertito una certa freddezza nelle risposte. Per di più mi guardavano con qualche sorrisetto strano ma non ho dato peso alla cosa.

Dopo una lunga attesa – almeno 45 minuti – la porta dello studio si è aperta, è uscita una paziente giovanissima e, subito dietro un’infermiera che ha chiamato a voce alta: “Cardelli può entrare; si prepari Luisi”.

Alzando gli occhi per individuare fra i numerosi presenti chi fosse Cardelli si è accorta della mia presenza e dopo aver farfugliato alla signora Cardelli di attendere un attimo è rientrata di corsa nello studio. Un attimo ed è uscito il dottor A.B.C. (N.O.p.P.), ginecologo, pure lui amico da sempre, che ha sgranato gli occhi… sorpreso, senza aggiungere parola!

Non sto a dirvi il mio disagio! Sono riuscito ad abbozzare, come si dice a Pisa, e ho spiegato che ero venuto per raccomandare alle signore di prendere appuntamento per tempo per il BATTESIMO dei loro (futuri) figli. Non ci crederete ma sono uscito fra gli applausi dei presenti!

N.B. L’appuntamento era per quel Venerdì ma alla Croce Violetta (N.O.p.P.)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.