410. IN CAMMINO – meno & più

Sabato scorso ho avuto un bel po’ di contrattempi.

Lì per lì ho avuto un momento di sconforto (e anche un momento di nervoso). Poi mi sono calmato e la serata è filata via liscia come l’olio, grazie ai ragazzi, ai genitori e al maestro Enrico.

Abbiamo risolto anche il problema delle norme sanitarie a difesa dei ragazzi: gli adulti (padrini e madrine)  che non sono vaccinati si impegneranno, in coscienza, a fare il tampone. Le prescrizioni sanitarie infatti non negano l’ingresso in chiesa ai non vaccinati ma solo perché le celebrazioni durano una mezz’oretta o poco più.

La Cresima invece passa l’ora e quindi abbiamo l’obbligo morale di garantire sicurezza ai ragazzi.

Anche la Domenica è andata bene: sono intervenuti molti fedeli alle varie celebrazioni (non moltissimi la insomma…) e  soprattutto abbiamo pregato (*) con tanta devozione ben accompagnati dal coro e dai musicisti.

C’è stato anche uno spazio (piccolo, in verità) per la preghiera di benedizione degli animali. Niente a che vedere con le celebrazioni solenni degli anni passati ma il segno c’è stato com’è giusto visto che anche gli animali sono creature di Dio senza contare che: –  quelli domestici col loro affetto ci scaldano il cuore e ci rendono felici – gli altri, donando la loro vita, ci consentono di… vivere!

Ho consegnato poi alcune schede cartacee per il percorso sinodale richiesto da Papa Francesco per saggiare il terreno in vista di un impegno maggiore nell’annuncio cristiano. Le schede erano poche per cui Domenica prossima ne stamperò altre per coloro che non hanno pratica computazionale e si trovano in difficoltà a scaricarle dal proprio computer.

Anch’io proverò a rispondere: infatti siamo invitati proprio tutti, dai vescovi ai preti e alle suore fino agli ultimi fedeli.

In ultimo è iniziata la distribuzione delle ampolle dell’acqua santa per la benedizione delle famiglie e delle case. Come ho già detto e scritto posso venire anch’io a benedire ma non posso fare come negli anni passati che passavo di casa in casa. Devo essere invitato, a garanzia vostra e mia di non diffondere il virus.

(*) domani ritorno sull’argomento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.