257. IN CAMMINO – Strage nel pollaio

Don Edoardo è tornato a celebrare dopo due mesi di assenza per malattia. Il Covid lo ha provato duramente ma adesso è tornato (quasi) in forma e si appresta a riprendere pieno servizio.

Si è presentato a celebrare con una bella barbetta che ha strappato un sorriso e un applauso ai numerosi fedeli presenti in chiesa felici di rivederlo e di rivederlo in forma.

A cena, finalmente insieme, gli chiedevo notizie sul decorso della malattia, sull’assistenza ospedaliera e simili. Mi ha detto, e ne ho provato soddisfazione, che tutti gli operatori sanitari gli sono stati molto vicini dal primo all’ultimo giorno di ricovero assistendolo in tutte le sue necessità fisiche e psicologiche che, soprattutto all’inizio della malattia, sono state molte: essere dipendenti giorno e notte dall’ossigeno a un passo dalla terapia intensiva non è stato uno scherzo.

Mi ha detto ancora, e pure questo mi ha fatto piacere che, tornato in convento (com’è noto don Edoardo risiede nel convento francescano di Pietrasanta) è stato omaggiato dai suoi parrocchiani felici di rivederlo per di più con la barba (i frati cappuccini presenti nel convento fino a non molti anni addietro avevano tutti una lunga barba) e dai suoi animali domestici, Vaduz e Vaduzova, compagni di viaggio da una vita, che gli sono saltati in braccio festosi.

Invece, sceso a “salutare” il pollaio, ha trovato gli animaletti tristi e afflitti: una volpe, profittando della sua assenza, si era introdotta furtivamente e aveva fatto strage dei poveri pennuti! I superstiti, meschini, erano acquattati in un angoletto della gabbia, timorosi di fare pure loro una brutta fine, incapaci di mostrare il meno che minimo sentimento di gioia per il ritrovato legittimo proprietario.

Al vedere la scena don Edorado ha avuto un tracollo nervoso e ha rischiato di finire nuovamente in ospedale. I suoi alti lamenti (misti a imprecazioni contro tutte le volpi… dell’universo) hanno attirato l’attenzione dei suoi predetti cari parrocchiani che lo hanno immediatamente omaggiato con uno scatolone/sorpresa chiuso con nastri multicolori contenenti ben quaranta, dico quaranta!, pulcinotti che hanno riportato vita e allegria nel pollaio e serenità nel cuore di don Edoardo.

P.S. Pare che la volpe si sia di nuovo presentata nottetempo accompagnata dal compagno e da sei cuccioli grassottelli per “presentare scuse formali” per l’accaduto ma non sono state credute e messe alla porta con abbondante lancio di pietre.

Un caro saluto da tutta la nostra comunità al caro don Edoardo! Spero d’avergli strappato un sorriso! dp

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.