LA SITUAZIONE IN LIBANO

Notiziario di “Oui pour la vie”

Migliaia di cittadini sono scesi in strada da più di una settimana per protestare contro la corruzione, il carovita e l’assetto confessionale delle cariche pubbliche. La tensione, che comporta l’interruzione delle principali vie di comunicazione, la chiusura di scuole, banche e uffici pubblici, è salita dopo una svalutazione della moneta locale senza precedenti, in un Paese dove un quarto della popolazione vive sotto la soglia di povertà. Il debito pubblico supera il 150% del PIL e si attesta tra i più alti del mondo. I cittadini della capitale che non guadagnano nemmeno il salario minimo – di 290 euro al mese – sono il 16%. Circa 1 milione e mezzo di libanesi vive con 108 euro mensili. A questi ai aggiungono i 2 milioni di rifugiati e profughi siriani, iracheni e palestinesi che vivono in condizioni di miseria assoluta.

Davanti a questa grave situazione, la nostra associazione “Oui pour la Vie” ha pensato di continuare il proprio impegno, di raddoppiare il numero dei pasti offerti dalla cucina di Damour, per un totale di circa 60 nuclei di famiglie per 4 giorni a settimana, anche durante i giorni della protesta popolare. Inoltre prosegue l’impegno per arredare l’ambulatorio medico, e gli ambienti per fare dormire le persone senza alloggio e offrire corsi ai bambini.

Chiediamo per questo a tutti aiuto e pubblicità per far fronte alle richieste di cibo e medicine, ulteriormente aggravate dalle ultime tensioni che fanno perdere molto lavoro.

È bello vedere i nostri volontari che consegnano cibo a famiglie che appartengono a gruppi rivali. Kufi è un volontario musulmano di “Oui pour la Vie” che porta il pasto alle famiglie cristiane bisognose di Damour. Lui, proveniendo da un’altra regione, non è conosciuto nel paese e quindi può aiutare con grande discrezione. “È sicuramente giusto chiedere qualcosa per migliorare in maniera pacifica la condizione personale e la comunità. Ma l’odio deve trasformarsi in amore, il perdono degli errori del passato deve dominare, senza rinunciare a percorsi con la giustizia per non lasciare spazio a vendette private. Si manifesta con entusiasmo e in clima di fraternità, ma non certo danneggiando il lavoro degli altri, questo impoverirebbe ulteriormente tutti. È nella serietà della vita quotidiana, anche se si è in miseria, che a partire da un modo di parlare non aggressivo, dallo studio, dal lavoro onesto e dalla disponibilità ad aiutare gli altri senza valutare il contraccambio, che si può costruire qualcosa di nuovo”.

Per testimonianze in Italia tel 333/5473721 – [email protected].

Per inviare offerte: bonifico intestato al conto: Oui pour la Vie, presso Unicredit a Cascina (PI). Indirizzo:Rue Mar Elias,35 Damour Lebanon.BIC-Swift: UNCRITM1G05 IBAN: IT94Q0200870951000105404518. Dopo invio offerta scrivere il proprio indirizzo e telefono a [email protected] per potervi confermare il ricevimento della stessa.

Padre Damiano Puccini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.