113. IN CAMMINO – ci risiamo?

Spero proprio di no ma, a questo punto, potrebbe essere anche possibile.

Questa mattina infatti, entrando in chiesa, ho scorto un medico assorto in preghiera che manifestava un evidente stato d’angoscia: mi ha spiegato d’essere attivo in un reparto-covid della zona.

Pare che la situazione sia drammatica per la carenza di personale. Medici e infermieri sono costretti a turni massacranti mentre le direzioni fanno orecchio da mercante, come si suol dire, centellinando gli addetti e distribuendoli sul territorio non in base alle reali esigenze quanto per le raccomandazioni dei politici.

In altre parole, se un ospedale ha dei politici importanti a supporto può sperare di avere un numero consistente di medici. In caso contrario si deve arrangiare.

A quel punto ho deciso di fermarmi un attimo a pregare insieme con lui. Ho notato che gli scorrevano le lacrime sul volto…

Vi chiedo quindi stamani di offrire una piccola preghiera per questa persona e un’altra ancora per chi è ammalato.

Non vi dimenticate poi che oggi è la festa di San Giovanni Paolo II. Siamo tutti sballottati, in questo momento, anche come “chiesa”. Chi dice una cosa e chi un’altra. Anche le affermazioni del Papa vengono contestate da più parti per cui c’è una grande confusione in giro.

Che il Signore ci aiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.