125. IN CAMMINO – arancione…

E adesso cosa facciamo, don Piero? Mi stanno giungendo tante telefonate da parte di genitori dei ragazzi del catechismo, dei coristi, dei collaboratori parrocchiali ecc.

Confesso d’essere anch’io in forte difficoltà perché non so, al momento, cosa consente/proibisce il nuovo decreto del Presidente del Consiglio riguardo alla partecipazione alle funzioni religiose e al catechismo.

In Curia mi hanno detto che è tutto come prima… Ma questa situazione è nuova. Prima era tutto chiuso e quindi non c’era discussione di sorta. Oggi invece ci sono aperture/chiusure che vanno interpretate e di conseguenza non sappiamo esattamente cosa fare.

Scrivo qualcosa quindi ma non sono certo che sia in sintonia con le disposizioni.

Cominciando dal catechismo mi è stato detto che, essendo equiparato alla scuola, devo seguire le regole scolastiche. Dunque sì alle lezioni in presenza per elementari e medie e no a quelle per le superiori che dovranno svolgersi via mail.

Ma i ragazzi iscritti al catechismo al Forte e residenti in altri comuni della Versilia dovranno esibire la certificazione per poter partecipare alla lezione? Com’è noto la maggior parte dei ragazzi che frequentano il catechismo appartengono ad altri Comuni perché sono figli/nipoti di di persone che hanno venduto la loro abitazione ma sono rimasti fedeli alla loro chiesa…

Quindi cosa dovranno fare per partecipare?

E per la Messa? Anche in questo caso la partecipazione è consentita ma all’interno del proprio Comune di appartenenza. Sarà possibile avere la possibilità di partecipare anche se residenti in un Comune diverso?

Davvero non so cosa pensare e di conseguenza cosa dirvi. Se qualcuno fosse in grado di darmi una risposta gliene sarò grato.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.