230. IN CAMMINO – don Velio Mancini

Domenica scorsa, casualmente, ho scoperto che la m.a N.N. è nipote acquisita di don Velio Mancini, mio predecessore alla Pieve monumentale di San Casciano in Provincia di Pisa.

Entrai come successore di don Velio a San Casciano nel Settembre del 1982. Già lo conoscevo ma ritrovarlo fu motivo di gioia perché era una persona intelligente e buona. I primi mesi di Parrocchia furono assai pesanti perché l’Arcivescovo Matteucci che mi aveva ordinato sacerdote e successivamente immesso in parrocchia mi aveva dato delle direttive ferree fino a proibirmi la frequentazione di un certo gruppo di parrocchiani, a suo dire, mezzi eretici e in particolare di un sacerdote Paolino che da tempo frequentava la parrocchia.

Don Velio capì il mio imbarazzo perché mi sembravano persone per bene ma mi suggerì di obbedire al Vescovo: cosa che feci, a malincuore, pensando a chissà quali misfatti avessero combinato. In realtà erano persone care che amavano la Chiesa e vivevano il Concilio ma mi ci volle un po’ di tempo a capirlo. I mesi successivi mi aprirono gli occhi ma ormai il guasto c’era stato.

Don Velio mi pregò di parlare con Don Nicola, il sacerdote di cui sopra, a cuore aperto cosa che feci dopo pochi mesi scoprendo un animo buono e un sacerdote davvero umile e per niente rivoluzionario. Mi parlò in modo così convincente del carisma “paolino” che anch’io, poco tempo dopo, entrai nell’Istituto Paolino di Gesù Sacerdote con sua grande soddisfazione.

Sempre don Velio,  supportato dalla carissima Assunta, mi spinse a parlare con Franco e con la allora sua fidanzata Lucia e con loro scoprii lo sbaglio madornale che avevo combinato nel mettere “in castigo” quelle persone care. Il tempo, ovviamente, favorì il superamento di quell’equivoco anche se ne rimasero alcune (poche per fortuna) tracce negli anni a venire.

Intanto don Velio peggiorava di giorno in giorno. Ogni sera andavo a fargli visita al palazzo Zalum e parlavamo a lungo della sua esperienza di sacerdote e di insegnante.

Dapprima era stato confinato in alta montagna (dove potè proseguire gli studi) poi trasferito a San Casciano dove riuscì ad abilitarsi all’insegnamento di Lettere moderne per insegnare nelle scuole statali. Questo impegno non lo distraeva dal servizio parrocchiale tanto che impartiva ripetizioni di tutte le materie a decine e decine di ragazzi di paese con grande gioia dei genitori che li sapevano occupati tutto il giorno in canonica. Grazie alle sue sollecitazioni anch’io seguii lo stesso percorso (tenendo però ben nascosto l’impegno ai parrocchiani per timore d’essere male giudicato e) limitandomi all’insegnamento nella scuola diocesana.

Negli ultimi tempi si era trasferito a Pietrasanta per stare vicino ai suoi cari. Ma quando si rese conto d’essere alla fine volle incontrami, all’ospedale: non riusciva a parlare per la malattia che glielo impediva. Ma si fece forza e con un urlo riconobbe che gli avevo sempre voluto bene.

Adesso riposa nel cimitero di Vallecchia vicino alla mia carissima Benedetta, la bambinella che passai a Comunione pochi mesi prima della sua tragica scomparsa.

Sulla lapida c’è scritto, come aveva sempre desiderato, sac. prof. dott. Velio Mancini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.