30. IN CAMMINO – ricominciamo…

Questa mattina noi Vicari territoriali ci siamo trovati finalmente di persona con l’Arcivescovo per programmare la ripartenza… nei limiti del possibile. Sì, perché i problemi continuano a esistere e dobbiamo tenerne di conto per non rischiare passi falsi.

L’Arcivescovo ci ha chiesto di guardare all’essenziale ossia ai sacramenti e alla carità ma si avvicina il mese di settembre e ci sono anche altre esigenze come, ad esempio, il catechismo per i piccoli e gli adolescenti e tutto il resto.

Cosa fare e come fare. Con le restrizioni adesso presenti saremmo costretti a ridurre i gruppi degli iscritti e a tenere le lezioni in chiesa per coloro che dovranno accedere alla Comunione a alla Cresima.

In pratica dovremmo rinunciare al 50% dei ragazzi e questo comporterebbe inevitabilmente un crollo, a catena, della presenza domenicale alla Messa e a tutto il resto.

Nel mio intervento ho fatto presente che i nostri predecessori hanno superato problemi e prove ben più gravi (mi riferivo soprattutto al tempo di guerra) e quindi dobbiamo mantenere fiducia nel nostro popolo e dell’aiuto di Dio.

Qualcuno mi ha obbiettato che il nostro popolo non è più quello di allora e del resto non lo siamo più nemmeno noi sacerdoti…

Ma il Signore è lo stesso di ieri e sarà lo stesso domani. Quindi fidiamoci di Lui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.