31. IN CAMMINO – preghiera per un amico

Scrivo questa breve nota a giornata ormai conclusa. Penso proprio che non la leggerà nessuno ma a me fa piacere scriverla ugualmente. È una sorta di sfogo che mi aiuta a rilasciarmi…

Dunque ieri pomeriggio mi hanno avvisato che il mio amico D. aveva avuto un malore serio e disperavano di salvarlo. L’ho raccomandato a Padre Pio e mi sono messo ad aspettare gli eventi certo che il nostro santo Padre lo avrebbe aiutato.

Nel frattempo mi sono messo a pensare a quanto sia importante per noi sacerdoti avere qualche punto di riferimento: per un confronto, per un conforto, per un semplice scambio di opinioni.

L’amico in questione infatti mi ha aperto il cuore più volte e io ho fatto lo stesso con lui ascoltando e accettando i suoi consigli.

In più mi ha, per così dire, viziato offrendomi ogni Domenica il quotidiano, i dolci squisiti del Soldi, le primizie dell’orto ecc.

In piena notte mi hanno avvisato che l’intervento era riuscito. Ero ancora sveglio ad aspettare e così, finalmente, sono riuscito ad addormentarmi.

Adesso si tratta di aspettare ancora un po’ e poi fargli la sorpresa… Sì, perché i lamponi che mi aveva donato hanno iniziato a produrre frutti dolcissimi e mi piacerebbe condividerli con lui e con A., altro amico carissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.