359. IN CAMMINO – Don Lorenzo

I giorni dei Santi e dei Defunti sono passati. Siamo stati aiutati dal tempo che ci ha permesso di svolgere le celebrazioni in modo più che dignitoso. Sono mancate all’appello tante persone ma era prevedibile soprattutto per la benedizione del cimitero che comportava l’assembramento nelle cappelle grandi. Meno prevedibile la modestissima presenza dei familiari dei defunti dell’anno nella ricorrenza dei Santi: erano più i defunti da ricordare (82) dei presenti in chiesa … Peccato!

Gli importanti appuntamenti di questi giorni mi hanno costretto a passare in secondo piano una notizia straordinariamente bella proprio di questi giorni e cioè l’Ordinazione sacerdotale del giovane Lorenzo Correnti.

Si fa un gran parlare della carenza delle vocazioni – ed è purtroppo vero – ma anche oggi per fortuna ci sono giovani pronti a sacrificare la propria vita per Gesù e per il Vangelo.

Don Lorenzo è uno di questi. Lo avete conosciuto nell’occasione della giornata del Seminario di due anni or sono: nativo di San Giuliano Terme aveva raccontato qualcosa della sua scelta di vita nell’omelia/testimonianza presentata all’altare. Nonostante l’ambiente d’origine non fosse molto “religioso” -brave persone, ma quasi del tutto assenti alla frequenza- aveva avvertito il desiderio di farsi prete stando a contatto col sacerdote del paese ormai anziano e ammalato.

Sacerdote che non gli aveva nascosto la difficoltà di avventurarsi nel servizio sacerdotale in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo. Nello stesso tempo, con fare paterno, gli aveva suggerito la devozione alla Madonna per mantenere perseveranza.

E così è stato: Domenica 31 Ottobre, in Cattedrale a Pisa, don Lorenzo è stato ordinato sacerdote con grande gioia dell’Arcivescovo e di tutti i confratelli. E, penso, anche dei suoi compaesani seppure molto lontani dalla pratica religiosa.

Vi invito a ringraziare il Signore per questo dono e a invocarlo per avere pure noi, al Forte, qualche vocazione sacerdotale/diaconale/religiosa. Ci sono, anche nella nostra comunità, persone all’altezza di questo compito, persone che potrebbero fare un gran bene, ma hanno paura… prendono tempo anche se sono consapevoli che il Signore gli ha messo gli occhi addosso e non li molla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.