417. IN CAMMINO – Teologia fondamentale

Come accennavo nella nota di ieri mi piace chiarirvi le idee su alcuni termini appartenenti al linguaggio teologico accademico.

Immagino che tutti sappiate cosa si intenda per Teologia. Per chi non lo sapesse è lo studio di Dio nel suo mistero. Per Catechismo invece si intende lo studio delle Verità cristiane. In un caso si indaga su Dio (con metodo scientifico); nell’altro si studia per conoscere con precisione e vivere le affermazioni della fede cristiana (con metodo pedagogico).

Fermandoci al primo ambito la Teologia spazia dalla conoscenza della Sacra Scrittura (le lingue della Bibbia e relative interpretazioni), alla Dogmatica -oggi detta Teologia Sistematica-(lo studio ordinato delle affermazioni di Fede della Tradizione Cristiana), alla Morale (la valutazione dei comportamenti umani alla luce della Sacra Scrittura), alla Storia, alla Liturgia, all’Antropologia ecc.

C’è anche una disciplina che precede queste sopra indicate (peraltro molto sommariamente) che si chiama TEOLOGIA FONDAMENTALE che studia il rapporto fra la FEDE, la RELIGIONE e la SCIENZA.

La Teologia Fondamentale, a mio sommessissimo parere, è quella più moderna perché, al contrario delle altre -fatte salve le eccezioni- evolve di continuo in quanto il rapporto Fede/Religione/Scienza muta di continuo.

Ed è anche più “interessante” delle altre in quanto “interessa” molte più persone rispetto alle precedenti. Interessa il credente e il non credente, il teologo e lo scienziato, l’insegnante di Religione/Catechismo e il pedagogista ecc.

Ora il libro cui facevo riferimento alcune note addietro era proprio un testo  intitolato Teologia Fondamentale in tre volumi, di Giuseppe Lorizio, edito da Urbaniana University Press.

La caratteristica del volume in questione insiste molto sul rapporto tra (la) “Scienza e (la) Fede sull’interpretazione del reale” facendo riferimento a studi specialistici del SEFIR (oggi:     nuovo-sefir.it)

Io l’ho trovato molto interessante anche se è un po’ datato perché è di qualche anno fa.

Ovviamente ce ne sono altri in commercio e sono tutti validi purchè siano recenti/issimi perché come vi ho detto questa disciplina evolve di continuo. Buona lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.