Catechismo cresima 7 lezione

Cari ragazzi, oggi 25 Marzo è un giorno importante: si ricorda l’annuncio dell’angelo Gabriele a Maria con la proposta di diventare mamma di Gesù. Fra nove mesi esatti (i mesi nei quali un bambino si sviluppa nel grembo della mamma) il 25 di Dicembre celebreremo la nascita di Gesù. Quindi iniziamo la lezione cantando l’Ave Maria. Il canto lo conoscete benissimo. Ve lo sto proponendo fin da quando facevate la seconda elementare. Dai, cantate, fatelo ascoltare alla mamma! Fatto? Bene allora cominciamo la consueta lezione di catechismo.

LEZIONE PER I GIOVANISSIMI Oggi vi spiego la settima beatitudine che dice: “Beati quelli che portano la pace”. Vi prego di leggere con attenzione perché le beatitudini spiegate fino a oggi, più o meno, ve le avevo già spiegate durante le lezioni dalle suore. Da oggi invece di tratta di spiegazioni del tutto nuove. Allora la pace di cui parla Gesù non è semplicemente l’assenza della guerra. Se fosse così non ci sarebbero problemi perché, almeno a oggi, non ci sono guerre nel nostro paese. Gesù ci invita a guardare, a leggere nel nostro cuore perché è proprio nel cuore che cova l’odio, il rancore, da cui poi nascono i gesti di cattiveria, anche violenta, nei confronti dei nostri fratelli. Poi ci invita a fare di tutto per spegnere i “focolai di infezione” presenti in famiglia, a scuola, con gli amici. Quindi quando avverti nel cuore il desiderio di vendicarti perché un amico ti ha fatto un dispetto, pensa a Gesù e lascia perdere. Vedrai che il tuo amico capirà lo stesso e ti chiederà scusa vedendoti triste. Così se in casa senti alzare la voce intervieni e prova a dire: ” Non urlate che mi fate stare male. Già devo stare in casa tutto il giorno e poi vi ci mettete anche voi. Mi viene da piangere.” Vedrete che i vostri cari smetteranno subito di litigare e in casa tornerà la pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.