Corona virus 17

Cari amici, oggi giorno dell’Annunciazione dell’angelo a Maria, la nostra diocesi di Pisa (e quindi anche la nostra parrocchia) è in festa ricordando la grande devozione dei nostri predecessori nei confronti della Beata Vergine Maria.

I nostri avi, dagli anni mille e fino al 1750 circa (scrivo a memoria… se poi la questione vi interessa andate a leggere su internet) erano soliti iniziare l’anno non il primo di Gennaio ma il 25 Marzo… pensate quanta era la loro devozione. Erano tempi un po’ particolari allora. Pensate che uno degli arcivescovi pisani di allora, il famosissimo Daimbertus, era uomo più di spada che di croce: lo troviamo infatti alla testa delle armate pisane nel corso della vittoriosa prima crociata scavalcare, spada in pugno le mura di Gerusalemme, facendo strage -era un uomo possente- di chi provava a sbarrargli il passo! Come premio venne nominato primo Arcivescovo di Gerusalemme riconquistata!

Anche oggi, a mezzogiorno, quando un raggio di sole penetrando dal finestrone di mezzo, sfiorerà la mensola con l’uovo marmoreo poswta vicino al matroneo di sinistra guardando l’altare dall’ingresso, le campane del Duomo di Pisa suoneranno a festa. È l’inizio dell’anno pisano! Quest’anno non credo faranno niente ma fino allo scorso anno all’ illuminazione dell’uovo iniziava la festa “alfea” (pisana) con preghiere e canti alla Vergine Maria e cortei per tutta la città.

Noi oggi, a mezzogiorno, reciteremo il Padre Nostro insieme con il Papa e tutti i cristiani del mondo. In quanto “pisani” ricordiamoci di aggiungere una preghiera alla Madonna.

Il Signore vi + benedica vostro aff.mo don Piero

PS sempre oggi Paolo Barberi trasmetterà il consueto messaggio TV del mercoledì dalla chiesa tramite facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.